CONOSCERE IL SOLE

La nostra guida per esporsi al sole in tutta sicurezza

Tutti i prodotti PIZ BUIN® contengono la nostra protezione solare avanzata UVA/UVB per assicurarti sempre un’efficace protezione dai raggi solari. Tuttavia, riteniamo che non si può mai essere troppo sicuri dei potenziali effetti che il sole può avere su di noi. Riportiamo di seguito importanti informazioni sul sole e su come è possibile goderselo al meglio e in maniera responsabile.

  • Il sole

    Raggi UVA e UVB sono termini familiari, ma che cosa significano esattamente e quale effetto hanno su di noi? Puoi scoprirlo qui. +

    • Radiazioni

      Il sole fornisce alla terra energia vitale ed è il fattore principale nella determinazione delle condizioni climatiche e atmosferiche della terra. Il sole trasmette alla terra non solo la luce visibile ma anche radiazioni invisibili che possono avere un impatto negativo sulla salute, se ricevute in dosi troppo elevate.

      Le radiazioni solari sono composte da un'ampia varietà di raggi. Alcuni non riescono a raggiungere la terra perché vengono bloccati dallo strato di ozono. Le radiazioni che raggiungono la terra sono composte da raggi visibili, raggi infrarossi (IR) e raggi ultravioletti (UV). Le radiazioni UV si suddividono in raggi UVA, UVB e UVC, in base alla loro lunghezza d'onda. Anche i raggi UVC sono bloccati dallo strato di ozono.

      Luce visibile

      La luce visibile comprende tutti i colori che vediamo a occhio nudo.

      Raggi infrarossi (IR)

      I raggi infrarossi (IR) trasmettono l'energia termica, quella che ci permette di sentire il calore.

      Raggi ultravioletti (UV)

      I raggi ultravioletti (UV) sono invisibili e si suddividono in raggi UVA, UVB e UVC. I raggi UVA provocano danni a lungo termine alla pelle, tra cui cancro e invecchiamento cutaneo precoce, mentre i raggi UVB sono la causa principale delle scottature. I raggi UVA raggiungono la superficie terrestre in misura 10 volte maggiore rispetto ai raggi UVB. I raggi UVC vengono assorbiti dall'atmosfera terrestre e non hanno effetti sulla pelle.

      L'intensità delle radiazioni solari dipende da numerosi fattori, tra cui il periodo dell'anno, l'ora del giorno, la latitudine, l'altitudine, i riflessi sul terreno e le condizioni atmosferiche. Il sole è più intenso a mezzogiorno, ad esempio, in alta montagna e vengono assorbite meno radiazioni UV dagli strati più sottili dell'atmosfera.

       

      L'80% dei raggi UV riesce a penetrare le nuvole

      La neve riflette fino all'80% di tutti i raggi UV

      Il 60% dei raggi UV è individuato tra le 10 del mattino e le 2 del pomeriggio

      Le radiazioni UV aumentano del 4% ogni 300 metri d'altitudine

      L'ombra può ridurre l'esposizione ai raggi UV del 50% o più

      A mezzo metro sott'acqua, i raggi UV hanno ancora il 40% di intensità rispetto alla superficie

      La sabbia bianca riflette fino al 15% dei raggi UV

      L'acqua riflette il 25% circa delle radiazioni UV

      Effetti del sole

      Il sole rende possibile la vita sulla terra, ma può anche avere effetti nocivi - soprattutto senza un'adeguata protezione.

      Effetti immediati

      Pigmentazione immediata
      Il primo effetto dell'esposizione al sole legato all'abbronzatura è noto come “pigmentazione immediata”, ovvero un colorito che appare durante l'esposizione e scompare entro 2 ore. Provocata dai raggi UVA e dalla luce visibile, la pigmentazione immediata non protegge dalle scottature.

      Pigmentazione persistente (Persistent pigment darkening, PPD)
      La PPD appare durante l'esposizione solare e perdura diversi giorni. Non è protettiva.

      Effetti ritardati

      Scottature
      Se non ci si protegge da alte quantità di raggi UV, questi inizieranno a penetrare gli strati della pelle. Alla fine, i vasi sanguigni al di sotto della superficie cutanea si espanderanno e perderanno fluidi, provocando rossore e infiammazioni. In genere le scottature compaiono 2–6 ore dopo l'inizio dell'esposizione, raggiungono la massima intensità entro 24–36 ore e svaniscono dopo 3–5 giorni.

      Abbronzatura (pigmentazione ritardata)
      L'abbronzatura inizia 3–5 giorni dopo l'esposizione al sole, quando speciali cellule cutanee che prendono il nome di melanociti iniziano a sintetizzare melanina, il pigmento abbronzante naturale del corpo. La melanina viene quindi trasferita alle cellule limitrofe che prendono il nome di cheratinociti e sono il principale tipo di cellula dell'epidermide, o strato superiore della pelle. Diversamente dalla pigmentazione immediata, la vera abbronzatura protegge dagli effetti nocivi dei raggi UV. L'abbronzatura si affievolisce progressivamente, ma è necessario ricordare che anche le persone con un'abbronzatura naturale devono applicare una protezione solare, dato che l'abbronzatura non offre una protezione adeguata dall'esposizione ai raggi UV.

      Effetti a lungo termine

      Invecchiamento della pelle
      L'esposizione solare ha un ruolo di primo piano nel processo di invecchiamento della pelle. Fino al 90% di tutti i segni visibili dell'invecchiamento cutaneo possono essere attribuiti agli effetti nocivi dell'esposizione al sole.

      Cancro alla pelle (melanoma maligno)
      Il cancro alla pelle, o melanoma maligno, sembra essere causato da danni alla struttura del DNA delle cellule cutanee esposte al sole – appena il 5% di tutti i carcinomi si presentano su aree della pelle che non vengono esposte. I danni a queste cellule cutanee portano allo sviluppo di cellule degenerate che, a loro volta, hanno come esito il cancro. In Europa, il cancro alla pelle ha una prevalenza decisamente maggiore al nord, dove la pelle delle persone tende a contenere meno pigmentazione.

      Effetti accidentali

      Intolleranze solari
      Il tipo più comune di eruzione cutanea indotta dal sole è l'esantema benigno da esposizione al sole (BSLE). Particolarmente comune tra le giovani donne, il BSLE si presenta con piccole papule che provocano prurito sulla gola, la parte superiore del torace e la parte posteriore degli avambracci. La condizione si verifica entro qualche ora dopo un'intensa esposizione al sole e svanisce in pochi giorni.

      Sole in montagna

      In montagna continui ad usare la stessa protezione dell’estate?



      Per ogni 1,000 metri di altitudine, l’intensità dei raggi solari cresce fino al 12%

      La neve fresca riflette le radiazioni UV 5 volte di più della sabbia asciutta sulla spiaggia

      Fino all'80% delle radiazioni solari riesce a penetrare un leggero strato di nuvole

      Il freddo, il vento e l’aria secca possono ridurre l’idratazione della pelle del 13%

      Il risultato
      La pelle si disidrata facilmente. Diventa tesa, rossa e stressata dal sole. Difendere la pelle dal freddo, dal vento e dal sole intenso richiede un tipo particolare di protezione.


      Usare la corretta protezione solare
      In montagna, la tua pelle richiede un tipo di protezione specifico. Per questo, è meglio usare uno schermo solare che aiuti a difendere la tua pelle dal freddo, dal vento e dal sole intenso. PIZ BUIN® MOUNTAIN aiuta a proteggere la tua pelle nelle condizioni di montagna ad alta quota.

      Per un’applicazione sicura ed efficace, ti raccomandiamo di leggere i nostri consigli generali.


  • PRENDI IL SOLE IN SICUREZZA

    I prodotti di protezione solare PIZ BUIN® ti offrono tutta la protezione di cui hai bisogno; che cosa puoi fare per assicurarti di esporti al sole con la massima sicurezza possibile? +

    • Protezione solare

      Come funzionano i filtri solari?

      La tecnologia chiave usata in qualsiasi protezione solare è il filtro UV. I filtri UV possono essere chimici o fisici.

      kts_img_640_chemical_filter.png

      I filtri chimici agiscono assorbendo la luce ultravioletta e convertendola in raggi di lunghezza d'onda superiore, meno dannosi per la pelle.

      kts_img_640_psysical_filter.png

      I filtri fisici riflettono, trasmettono o assorbono parzialmente la luce e possono proteggere sia dalle radiazioni UVA che UVB. I due filtri fisici più comuni sono il diossido di titanio e l'ossido di zinco.

      Cosa significa fattore di protezione solare (SPF)?

      Il fattore di protezione solare (SPF) riportato sul flacone del prodotto solare indica quanta protezione dai raggi UVB viene offerta dalla protezione solare.

      In generale, più alto è il numero SPF, maggiore è la protezione, quindi un SPF 6 o 10 offre una protezione bassa, un SPF 15, 20 o 25 offre una protezione media e un SPF 30 o 50 offre una protezione alta e un SPF 50+ offre una protezione molto alta. Il fattore di protezione solare viene misurato con un test standardizzato.

      Il numero SPF indica quanto più a lungo è possibile restare al sole prima di iniziare a scottarsi. Funziona così: calcola il numero di minuti che impiega la tua pelle mediamente per scottarsi al sole senza alcuna protezione (diciamo 15 minuti). Quindi, moltiplica il numero di minuti per il numero SPF (in questo caso, fattore 6). 15 x 6 = 90, quindi avrai 90 minuti prima di iniziare a scottarti. In altre parole, maggiore è il fattore SPF, maggiore sarà la protezione del tuo prodotto solare. Ricorda, tuttavia, che si tratta di valori teorici. In realtà, l'arco di tempo dipende anche da altri fattori, tra cui il tuo fototipo e l'intensità UV locale.

      Per scegliere il fattore SPF adatto, dovrai tener conto di diversi fattori. l più importante di questi è il fototipo della pelle, che comprende il colore della pelle prima dell'esposizione al sole, il colore di occhi e capelli e altri fattori. Devi anche considerare dove andrai in vacanza e in quale periodo dell'anno.

      Che cos'è la fotostabilità?

      Per proteggere la pelle, le protezioni solari usano i filtri UV che assorbono le radiazioni solari. Quando una protezione solare viene esposta a queste radiazioni, queste possono alterare la struttura chimica dei filtri UV, riducendone di fatto le capacità protettive. Una protezione solare "fotostabile" è in grado di resistere meglio agli effetti dell'esposizione UV, mantenendo il suo livello di protezione.

      Tutti i prodotti di protezione solare PIZ BUIN® offrono una protezione fotostabile.

      Cosa significa "protezione ad ampio spettro"?

      Una protezione solare ad ampio spettro indica la capacità di proteggere dagli effetti dannosi sia dei raggi UVA (i raggi causa dell'invecchiamento cutaneo) che UVB (i raggi causa delle scottature). Per essere classificato come protezione ad ampio spettro, un prodotto di protezione solare deve assorbire o riflettere almeno il 90% dei raggi UV in un intervallo di lunghezze d'onda dai 290 ai 400 nanometri (nm).

      Tutti i prodotti di protezione solare PIZ BUIN® offrono una protezione ad ampio spettro.

      Resistenza all'acqua

      È importante che la protezione solare sia resistente all'acqua quando si nuota, dal momento che la radiazione UV a mezzo metro dalla superficie dell'acqua ha ancora il 40% di intensità rispetto alla superficie. Inoltre, è necessario proteggere la parte del corpo al di sopra della superficie, dal momento che l'acqua riflette circa il 25% delle radiazioni UV e può intensificarne gli effetti dannosi.

      Quasi tutti i prodotti di protezione solare PIZ BUIN® hanno un livello di resistenza all'acqua da normale a eccezionale, come il nostro NUOVO PIZ BUIN Wet Skin® Spray Solare Trasparente.

      *I seguenti prodotti non sono resistenti all‘acqua: Allergy Spray Solare SPF 30, Bronze Latte Abbronzante, Bronze Spray Abbronzanze, Bronze Olio Secco Abbronzante, Mountain Stick Labbra SPF 30.

      Suggerimenti per la sicurezza al sole

      Andare in vacanza significa spesso esporre la pelle al sole per la prima volta dopo un lungo periodo invernale di freddo e abiti pesanti. È importante prestare massima attenzione alla pelle prima di partire, per accertarsi che sia pronta al repentino cambiamento.

      Suggerimenti per un'applicazione sicura ed efficace della protezione solare e un corretto comportamento al sole:

      1. Applica la protezione solare almeno 20 minuti prima di esporti al sole per consentire il massimo grado di assorbimento e protezione.
      2. Assicurati di applicare la protezione solare in misura adeguata. Una quantità insufficiente riduce sensibilmente il livello di protezione. Presta particolare attenzione alle zone più sensibili, come orecchie, naso, spalle, décolleté e collo.
      3. Non trascurare le zone difficili da raggiungere o che vengono facilmente dimenticate, come le orecchie, i piedi e la parte superiore della schiena.
      4. Riapplica la protezione solare ogni 2 ore. Applicala più frequentemente dopo aver nuotato, sudato o esserti asciugato con l'asciugamano.
      5. Evita l'intensa esposizione al sole nelle ore centrali del giorno, dalle 11:00 alle 15:00, nei mesi estivi o quando sei in vacanza in paesi tropicali.
      6. Se assumi dei farmaci, chiedi al tuo medico o al farmacista se puoi esporti al sole senza problemi. Alcuni farmaci possono rendere la pelle più sensibile ai raggi del sole.
      7. La sovraesposizione al sole può essere pericolosa per la salute, quindi evita di restare al sole troppo a lungo, anche se usi una protezione solare.
      8. Proteggi i bambini. I bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti delle radiazioni UV e spesso trascorrono più tempo all'aperto rispetto agli adulti. I genitori devono prestare particolare attenzione per proteggerli dal sole, usando abbigliamento con vestiti, cappelli, occhiali da sole e schermi solari protettivi. Tieni i neonati e i bambini più piccoli al riparo dalla luce diretta del sole.

      Tipi di pelle

      I diversi tipi di pelle reagiscono al sole in modo diverso, quindi dal tuo tipo di pelle dipende quanto a lungo puoi esporti al sole e quali tipi di protezione solare devi usare.


  • DOMANDE FREQUENTI

    Cos’altro devo sapere sull'utilizzo dei prodotti di protezione solare PIZ BUIN®? +

    • Usare una protezione solare mi impedirà di abbronzarmi?

      Piuttosto è vero il contrario. Sebbene la pelle si abbronzi più lentamente quando si usa una protezione solare, l'abbronzatura ottenuta sarà migliore e più duratura, dal momento che la protezione solare impedirà alla pelle di scottarsi ed esfoliarsi. Alcuni prodotti PIZ BUIN® contengono anche ingredienti speciali che stimolano la produzione naturale dei pigmenti abbronzanti della pelle e la loro distribuzione uniforme.

      Quanto dura una protezione solare prima di scadere?

      Dipende se il flacone è stato aperto o meno. Se non è stato aperto, non ci sono problemi. Tutti i prodotti PIZ BUIN® sono testati in base alla normativa UE e hanno una durata di vita superiore ai 30 mesi. Se il flacone è stato aperto da oltre 12 mesi, dovrai acquistarne uno nuovo.

      Posso diminuire il livello di SPF man mano che trascorro più tempo al sole? Quanto rapidamente?

      È possibile diminuire il livello di protezione gradualmente durante le vacanze, non appena la pelle avrà prodotto il proprio sistema di difesa: l'abbronzatura. Dopo qualche giorno di protezione efficace, prova a passare da una protezione alta a una protezione media. Tuttavia, ricorda che anche le persone con un'abbronzatura naturale devono applicare una protezione solare, dal momento che l'abbronzatura non offre una sufficiente protezione dall'esposizione ai raggi UV. Inoltre, ricorda che il livello di SPF necessario dipende in larga misura dal fototipo della pelle e dall'intensità UV locale.

      Se non sei sicuro del livello SPF della tua protezione solare, scegli sempre il livello più alto.


   

Questo sito è pubblicato da Johnson & Johnson S.p.A., unico responsabile
dei contenuti, ed è destinato ai visitatori residenti in Italia. Accedendo a
questo sito, l'utente è tenuto a prendere conoscenza e ad accettare le nostre
Condizioni generali, la nostra Privacy Policy e la nostra Cookie Policy.


© Johnson & Johnson S.p.A Via Ardeatina Km 23,500 – 00071.
S. Palomba – Pomezia (RM),C.F. 00407560580 – P.I. 00884611005
Iscritta presso tribunale di Roma Registro delle Imprese al n. 353/ 67
Capitale Sociale €uro 5.170.000 Interamente Versato.
Ultimo aggiornamento 24/04/2017